“Il buongiorno si vede dal mattino!”: a Bari la presentazione del progetto Di Leo per 4000 ragazzi di Puglia

0
63

È stata presentata questa mattina, a Palazzo di Città, l’edizione 2018 de “Il buongiorno si vede dal mattino!”, il progetto di educazione alimentare e sportiva promosso dall’azienda Di Leo e rivolto a più di 4000 ragazzi residenti in Puglia e Basilicata. All’incontro con la stampa hanno presenziato l’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli, Pietro Di Leo, amministratore unico dell’azienda, e Rosa Grazioso, consigliera incaricata del Sindaco per il supporto alle attività culturali nelle scuole dell’obbligo, alla presenza della dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “De Marinis” Linda Cucumazzo, dei rappresentanti delle scuole coinvolte, di diverse mamme e del capitano e del direttore sportivo della squadra di basket di Brindisi.

 

Saranno due gli appuntamenti nelle scuole, in programma il 23 e il 24 aprile: una nutrizionista avrà il compito di trasmettere ai più piccoli i principi di una sana alimentazione, a partire da una corretta colazione abbinata all’attività fisica. Con il racconto di una “colazione da favola”, scaricabile dal sito internet www.dileo.it, coinvolgerà gli alunni rendendoli partecipi e non semplici spettatori della storia. Per invogliare i più piccoli alla pratica sportiva, durante gli incontri saranno presenti anche atleti di basket e altri testimonial sportivi d’eccezione.

A Bari l’iniziativa, giunta alla seconda edizione, vedrà la partecipazione di 1500 studenti di quattro istituti comprensivi: “C. Perone – C. Levi”, “E. Duse”, “EL 7/ Montello Santomauro” e “De Marinis”.

“L’amministrazione – ha dichiarato l’assessore Petruzzelli – accoglie con entusiasmo l’iniziativa dell’azienda Di Leo, che tende a sensibilizzare i bambini che frequentano alcune scuole cittadine sui temi importanti della sana e corretta alimentazione, che è indispensabile per la crescita di qualunque uomo o donna e va associata ad un’appropriata pratica sportiva. Ci rivolgiamo in particolare ai genitori affinché convincano i figli a praticare sport, fin dalla più tenera età, perché siamo convinti che, per dirla con una battuta, è meglio prescrivere sport oggi che farmaci domani. Questo progetto abbina efficacemente la promozione dello sport e quella della sana alimentazione. L’azienda Di Leo in questa occasione rappresenta il partner ideale perché da anni produce alimenti di alta qualità che non contengono olio di palma. L’eccellenza sportiva è, invece, rappresentata dalla Basket Brindisi che milita nel campionato nazionale di serie A e che costituisce, con i suoi atleti impegnati sui parquet più importanti del basket italiano, un ottimo modello da emulare per i nostri ragazzi”.

La consigliera Rosa Grazioso ha osservato che “l’iniziativa nelle scuole suscitata sempre un grande fermento, coinvolgendo insegnanti, alunni e mamme. Quest’anno parteciperanno le scuole Duse e Perone-Levi e due new entry, la De Marinis di Carbonara e la Montello – Santomauro. Lunedì 23 aprile più di millecinquecento ragazzi di Bari vivranno un’esperienza che sono certa influenzerà positivamente il loro avvenire”.

Nel suo intervento, Pietro Di Leo si è detto lieto di promuovere, anche nel 2018, l’iniziativa che coinvolge un numero sempre maggiore di scuole e bambini, per “contrastare le cattive abitudini e stimolare le nuove generazioni a una maggiore consapevolezza dell’importanza di una alimentazione sana e bilanciata, a partire dalla prima colazione, il pasto più importante della giornata”.

Durante i due incontri del 23 e 24 aprile verranno consegnati a tutti i bambini dei kit per una corretta colazione e una cartolina per partecipare al concorso grafico abbinato al progetto.

Gli elaborati saranno selezionati da una commissione di esperti di grafica e marketing aziendale. A conclusione dell’iniziativa si terrà una cerimonia di premiazione dei vincitori: dal 28 al 30 maggio sarà allestita una mostra con i lavori dei bambini.

ufficio stampa Comune di Bari

redazione

Cantine Di Gioia
Stolfa Edilizia
Fumai Costruzioni
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO